Piante terrestri e, molto raramente, epifite; il loro sviluppo è simpodiale, con uno stelo rizomatoso strisciante più o meno sotterraneo.

  • Sono sprovviste di pseudobulbi.
  • Le foglie sono coriacee e persistenti e si formano direttamente dal rizoma.
  • Il fiore è molto grande e colorato, con screziature e macchie.

ESPOSIZIONE E CURA

Non presentano particolari esigenze per quanto riguarda la luminosità, che può essere anche limitata; le temperature possono variare tra i 15 ed i 20°C; richiedono una buona ventilazione senza correnti d’aria.

INNAFFIATURE

Non avendo pseudobulbi richiedono annaffiature regolari durante tutto l’arco dell’anno, in modo che il substrato di coltivazione sia umido ma non troppo bagnato, specialmente d’inverno quando la ventilazione è scarsa; maggiore è la temperatura, più frequenti dovranno essere le annaffiature; in linea di massima, in estate ogni due giorni, nei restanti periodi, una volta alla settimana.

CONCIMAZIONE

Non sono particolarmente esigenti in fatto di concimazioni; essendo delle piante terrestri ricavano il loro nutrimento dal terreno di coltivazione, al contrario delle orchidee epifite; dovranno essere comunque concimate durante il periodo di sviluppo della vegetazione, da marzo a giugno, con concimi ricchi in azoto.